Mosaico adotta studenti rifugiati

“Sostegno a studenti rifugiati”

Il diritto allo studio è tra i diritti umani fondamentali: studiare aumenta inoltre la possibilità di trovare lavoro e in questo modo diventa più facile integrarsi nella società.

I rifugiati che hanno l'ambizione di continuare i loro studi universitari incontrano più difficoltà; dopo 6 mesi dalla notifica del riconoscimento dello status di rifugiato lo studente perde l’alloggio e il pocket money e, non avendo il sostegno economico, organizzativo e morale di una famiglia si trova solo ad affrontare un’ardua sfida. Questa situazione porta molto spesso allo scoraggiamento e all’abbandono degli studi.

Per questo Mosaico ha deciso di sostenere gli studenti rifugiati/e nel continuare il loro percorso, offrendo loro:

  • un servizio di orientamento
  • il pagamento dei costi per la traduzione dei titoli di studio pregressi e per il loro riconoscimenti
  • il finanziamento di eventuali altri costi necessari per raggiungere i requisiti richiesti dall’iscrizione, come ad esempio qualifiche linguistiche in italiano e/o inglese
  • il reperimento di libri e di computer
  • un aiuto economico per il vitto e l’alloggio
  • Attività socio-culturale

 

Mosaico ha iniziato a sperimentare questo progetto con un piccolo gruppo, in collaborazione con la rete UNIRESST formata dall'Università di Torino, dall'Associazione Frantz Fanon, dal Centro Piemontese di Studi Africani e altri enti.

 

Il percorso di accompagnamento allo studente prevede:

  • una prima fase di elaborazione del progetto individuale, con la definizione delle modalità di sostegno in accordo con i bisogni specifici della persona
  • l’assegnazione di un referente a cui il rifugiato può rivolgersi per ogni necessità
  • un gruppo di studio formato da studenti volontari
  • una valutazione periodica ogni 3 mesi sull'andamento del progett

Collaborazione: Università degli Studi di Torino , ufficio stranieri comune di Torino, AssociazioneFrantzFanon , UPM
Finanziamento 8x1000Valdese

No Comments Yet.

Leave a comment