OASI (Orientamento – Accompagnamento – Sostegno – Integrazione)

OASI ON THE STREET

OASI ON THE STREET: un’oasi mobile nella città di Torino

Orientamento – Ascolto – Sostegno – Integrazione

 

SCOPO: OASI on the street è una rete multi-accesso creata dall'associazione Mosaico per fornire orientamento e supporto alle persone in transito e/o in condizioni di disagio sociale. La nozione di oasi è fondamentale per il progetto che offre sia un momento di tregua che informazioni, fattori necessari per prendere decisioni in base alla lucidità piuttosto che alla disperazione. Mosaico crede che se si ascoltano attentamente le persone in movimento (migranti, richiedenti asilo, altri bisognosi), se si elaborano soluzioni personalizzate connettendosi con strutture appropriate, sia possibile salvare molte vite, evitare la formazione di ghetti di frontiera e restituire dignità all'esperienza di migrazione forzata.

 CONTESTO: nel novembre 2018, Mosaico ha lanciato OASI Porta Nuova, per fornire un servizio di orientamento presso la stazione ferroviaria di Porta Nuova. Grazie all’impatto positivo di questa esperienza e all'emergere di ulteriori situazioni di necessità, OASI si sta ora fondendo con l'attuale help desk di Mosaico, espandendosi in altre aree e consolidando il proprio team di mediatori sotto la nuova intestazione OASI on the street.La forza di OASI on the street è duplice: i mediatori stessi hanno un background di rifugiati e parlano diverse lingue (arabo, bambara, inglese, francese, italiano, lingala ...) e possono quindi fornire un ascolto di alta qualità e guidare le persone verso la soluzione appropriata: inoltre la rete raggiunge tutti i tipi di servizio, dalla sopravvivenza di base (cibo e dormitori), alle questioni mediche, legali e amministrative. Questo progetto multi-accesso è abilitato dalle collaborazioni che Mosaico ha intrecciato con diverse istituzioni locali e organizzazioni private (sociali, civili, culturali).

 

STRUTTURA: OASI on the street è concepito come una serie di interventi e sevizi  accessibili a vari livelli PRIMO LIVELLO (Porte1-3): ascolto e orientamentoPorta 1: Helpdesk della Casa del Quartiere. Aperto due volte a settimana, è guidato da un team di mediatori presso la Casa del Quartiere nel quartiere di San Salvario.Porta 2: Porta Nuova e dintorni. Attivo quattro giorni alla settimana, consiste nella presenza di due/ tre mediatori intorno alla stazione ferroviaria di Porta Nuova e alle aree circostanti di San Salvario e Piazza Carlo Felice, dove c’è un'alta concentrazione di possibili fruitori al servizio .Porta 3: Unità mobile (in via di realizzazione). Grazie al contatto stabilito con i Vigili di Prossimità, OASI sarà presente in altri punti strategici della città (Autostazione Porta Susa, Giardini di Lungo Dora, Corso Giulio Cesare / Giardino Lauro Rossi ...)

 

SECONDO LIVELLO (Porte 4-6): esigenze di basePorta 4: Mangiare e dormire. Mosaico aveva progettato e distribuito una mappa di mense e dormitori per il progetto pilota OASI. L'elenco delle risorse è attualmente in fase di espansione e sono stati stabiliti contatti diretti con diversi dormitori. Mosaico sta inoltre collaborando con il dipartimento comunale Adulti in Difficoltà, il servizio istituzionale che coordina dormitori e mense.Porta 5: Salute. Nella mappa OASI sono evidenziati vari servizi sanitari; inoltre  Mosaico ha una collaborazione attiva col Centro Frantz Fanon per la salute mentale, e vi indirizza i casi che necessitano di supporto psico-sociale.Porta 6: Assistenza legale. La collaborazione con ASGI (Associazione per gli studi giuridici sull'immigrazione) è di stata recentemente formalizzata. Una volta alla settimana, presso lo Spazio CUQÙ di Via Saluzzo, gli avvocati dell'ASGI forniscono un'assistenza approfondita per casi speciali. Questa collaborazione prevede anche sessioni di formazione per i mediatori riguardo questioni legali generali, al fine di offrire loro strumenti per rispondere alle domande più frequenti.

 

TERZO LIVELLO (Porte 7-8): integrazionePorta 7: Approccio intersettoriale. Sebbene OASI sia iniziata con un preciso gruppo target, la realtà “di strada”ha portato ad una fusione naturale con altri settori di disagio sociale a causa della natura trasversale dei bisogni di base. Mosaico sta attualmente collaborando con i cosiddetti "Adulti in Difficoltà" in questa direzione e sta preparando sessioni di formazione per i mediatori OASI in collaborazione con il Centro di Mediazione del Comune.Porta 8: Intreccio culturale. Torino è unica nel suo mix di bellezza e ospitalità: vanta una tradizione di solidarietà, innovazione sociale e creatività. OASI on the street cerca di operare in sintonia con la città e dare una connotazione diversa al fenomeno della migrazione: non come un peso, ma come un'opportunità per lavorare insieme verso una convivenza più armoniosa e culturalmente ricca. In quest’ottica va inserita la collaborazione con istituzioni culturali, come ad esempio il Museo Egizio.

SPAZIO: l'helpdesk bisettimanale e la consultazione settimanale con gli avvocati si svolgono attualmente in due spazi separati (Casa del Quartiere e Spazio CUQÙ), entrambi nel quartiere San Salvario. MOSAICO sta attualmente cercando uno spazio più stabile, in relazione al reperimento di fonti di finanziamento, in cui condurre alcune di queste attività: uno spazio per l'ascolto, ma anche per l'incontro, verso la creazione di nuove narrazioni.

 

 

No Comments Yet.

Leave a comment